Lipofilling del seno

Cos'è il lipofilling?

Consiste nel trapianto di grasso autologo - cioè prelevato da un cuscinetto di grasso dello stesso paziente - e iniettato con sottili cannule nelle zone riceventi:

  • Rughe
  • Solchi
  • Zigomi
  • Labbra
  • Cicatrici da acne
  • "Aree cellulitiche"
  • Glutei
  • Seno

E' in assoluto la metodica di chirurgia estetica minimamente invasiva che ci ha dato i migliori risultati e soprattutto i più naturali: i solchi naso labiali, gli zigomi e le guance vengono riempiti senza stravolgere i lineamenti come spesso avviene con l'uso di protesi sintetiche. E' possibile infiltrare le cicatrici introflesse, anche quelle prodotte dall'acne e anche le cosiddette introflessioni crateriformi, quei fastidiosi "buchi" caratteristici degli stadi più avanzati della cellulite che spesso rendono penoso mostrarsi in costume da bagno.

Inoltre, grazie alla presenza di un buon numero di cellule staminali, è possibile trapiantare anche quantità notevoli di grasso: rimodellare i glutei ad esempio aumentandone la proiezione o trasformandoli da quadrati in tondi con opportuni riposizionamenti di tessuto adiposo.

Nel tuo caso specifico

Per aumentare un seno di una taglia occorrono circa 150 cc. di grasso.

 

Entrambe le mammelle richiedono quindi una quantità di grasso che è quella che normalmente si estrae per rimodellare piccole "culotte de cheval" o grosse ginocchia. Significa che se hai cuscinetti di grasso di queste dimensioni potresti ritrovarti dopo l'intervento con una silhouette più snella, con il seno aumentato di una taglia e, soprattutto … senza corpi estranei.

 

Non conviene iniettare quantità superiori di grasso in una singola seduta; se mai è possibile ripetere il trattamento dopo due o tre mesi: le cellule adipose hanno bisogno di nutrimento per sopravvivere perciò devono stare a diretto contatto con il flusso ematico. Trapianti voluminosi ne riducono drasticamente la sopravvivenza.

 

Per questi motivi molto spesso è conveniente infiltrare quantità di grasso ancora più modeste: da 50 a 100 cc. per seno e ripetere il trattamento ogni 45 giorni.

 

Ho pazienti che sono partite da una prima scarsa per arrivare a una terza piena in sei/sette sedute con piccole estrazioni di tessuto adiposo da braccia, polpacci, addome appena pronunciato e glutei.

Il nostro protocollo prevede tre fasi...

  1. PRIMA FASE: preparazione con PRP (contenente numerosi fattori di crescita) in due somministrazioni ravvicinate.
  2. SECONDA FASE: MINILIPOSCULTURA LASER-ASSISTITA - Se è presente un "odiato"cuscinetto di grasso ovviamente sarà il primo ad essere sacrificato; se invece non ci sono – caso abbastanza raro - zone da snellire è possibile procedere comunque a piccole estrazioni multiple. L'Intervento è eseguito in anestesia locale pura. Dopo aver infiltrato l'anestetico diluito in soluzione fisiologica refrigerata (soluzione di Klein) con aghi sottilissimi, si attende lo sbiancamento della zona e quindi si procede all'aspirazione del grasso con mini cannule (2-2,5 millimetri di diametro) montate su una siringa in aspirazione. Aspirata la giusta quantità di grasso,attraverso gli stessi forellini (in genere due o tre), si introduce una fibra ottica di 300-600 micron collegata a un laser Nd Yag o a un laser diodo e muovendosi molto lentamente per via retrograda si irradia tutta la regione precedentemente lipoaspirata. Il laser determinerà un ottimale riadattamento della pelle alla riduzione dei volumi interni. Non sono necessari punti di sutura: sarà impossibile distinguere le piccole vie di entrata nel giro di poche settimane. Una medicazione elastocompressiva andrà tenuta per qualche giorno.
  3. TERZA FASE: RIMODELLAMENTO DEL SENO - Il grasso estratto viene purificato o mediante centrifugazione o semplicemente tramite lavaggi ripetuti in soluzione fisiologica .In entrambi i casi il grasso non viene a contatto con l'aria e i due metodi si equivalgono ai fini della sopravvivenza delle cellule adipose. A questo punto viene trasferito in siringhe più piccole e infiltrato goccia a goccia prima al di sotto della ghiandola mammaria poi in superficie partendo dalla regione periareolare verso la periferia. Questo modo di operare ci permette di modellare un seno molto di più di quanto potremmo fare con una protesi (che altro non è che un contenitore ripieno di silicone in cui possiamo variare solo le dimensioni ma molto poco la forma:da anatomica a tonda e niente più). Il risultato sarà un seno assolutamente naturale, che segue armoniosamente i movimenti del corpo: non resta stupidamente tirato su quando sei sdraiata, non schizza in fuori quando contrai i pettorali e soprattutto è un seno morbido quando lo palpi, senza nessun corpo estraneo e senza cicatrici. Non c'è bisogno di punti di sutura ma di una medicazione lievemente compressiva.

I risultati a distanza? Possono essere permanenti; a volte si rendono necessarie nel tempo piccole infiltrazioni, altre volte addirittura più passano i mesi e più i risultati migliorano forse in virtù delle nostre care amiche:le cellule staminali.


Vantaggi

  • Non vengono iniettate sostanza estranee
  • è una metodica chirurgica minimamente invasiva proiettata nel futuro in considerazione della presenza significativa di cellule staminali nel tessuto adiposo
  • i miglioramenti estetici sono assolutamente naturali
  • è possibile in un unico intervento rimodellare il profilo corporeo e il seno

Svantaggi

  • Le cellule adipose potrebbero non attecchire, come può capitare anche a te quando trapianti i gerani da un vaso all'altro. In questo caso si assisterebbe a un riassorbimento quasi immediato e a un risultato nullo. Per fortuna ciò avviene molto raramente. Più frequenti i riassorbimenti parziali che richiedono piccoli ritocchi.


La tua Chirurgia Estetica Minimamente Invasiva


Piazza Trento 2 - Catania

 095 447465 per appuntamento